TROPPI 3 INCONTRI ? NO TROPPO POCHI !

2Sabato scorso in Accademia si è svolto il secondo incontro del ciclo “La cultura della Diversità ” sul tema della Creatività.

Dopo il saluto del Presidente dell’Accademia e della Fondazione Banca del Monte, il Direttore dei Servizi Sociali dell’Azienda Ulss 5, Urbano Brazzale ha espresso la sua  condivisione agli incontri proposti in tema di disabilità, come occasione di approfondimento e di riflessione per tutti. Ha quindi confermato la sua disponibilità ad operare in rete con le associazioni, riservandosi peraltro la regia delle azioni innovative da intraprendere .

La presidente dell’associazione Pianeta Handicap che ha organizzato il ciclo di incontri, in risposta a qualche osservazione pervenutale circa la supposta ridondanza dei 3 sabati di seguito, ha ribadito con fermezza che sono troppo poche le occasioni in cui si parla della disabilità. Quindi 3 incontri sono troppo pochi e non troppi !

Il Direttore della Fondazione La Ghironda di Bologna, prof. Vittorio Spampinato,invitato a svolgere la sua Relazione sulla creatività, ha introdotto  il tema della contaminazione tra arte e natura , nonché tra sogno ed espressione creativa in varie forme .Si è poi soffermato ad illustrare il significato di Land Art,quale estetica della natura, come fusione tra colore, materia, paesaggio ed ha invitato i presenti a visitare la Ghironda, ove tale connubio avviene in un  unicum di valore ambientale ed artistico.

Tra le attività della Fondazione ha inoltre evidenziato i vari percorsi di integrazione posti in essere, sia con scuole che con altre Istituzioni del territorio, tutti rivolti a far emergere il fare creativo , tramite l’espressione della fantasia  personale nelle più disparate forme e modalità di realizzazione.

Di seguito Gabriella Roccato dell’associazione Pianeta Handicap , responsabile del Laboratorio Le Farfalle di Castelmassa, ha illustrato in modo appassionato e con varie foto,   le occasioni di socializzazione  tra ragazzi e volontari e le creazioni ceramiche che nascono in tale contesto di grande condivisione, ove l’intelligenza delle mani riesce a trovare nuovi e propri canali espressivi.

Adelia Ciciliato, responsabile del Laboratorio Mosaico’s Friends ad Adria, anch’essa con l’aiuto di immagini, ha reso testimonianza del grande percorso creativo posto in essere da qualche anno, tramite le tessere musive opportunamente posizionate a formare quadri anche di grandi dimensioni.

Ha poi aggiunto come la tecnica musiva di sia dimostrata particolarmente adatta a stimolare l’attenzione e la creatività delle persone autistiche .

Quale altra espressione creativa, con l’ausilio della poetessa Angioletta Masiero, si è entrati nel mondo “autistico” di Elisa, ragazza di Schio che non parla ma si esprime tramite la Comunicazione Facilitata.

I suoi versi, semplici ma diretti ed incisivi, hanno commosso alcuni dei presenti ed hanno fatto capire la ricchezza ,la profondità e la eccezionale sensibilità di chi viene ritenuto disabile.

Sabato 6 maggio, sempre all’Accademia, si svolgerà il terzo incontro, sul tema : Lavoro per essere simile agli altri .

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Generale, News & Eventi. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.